W lo spritz!!!!

Spritz – L’aperitivo più amato dagli italiani 🙂

Lo spritz è un aperitivo alcolico i cui natali storici hanno radici ai tempi della dominazione austroungarica nel Veneto e nel Friuli Venezia Giulia, in particolare nelle aree di Venezia e di Trieste.
Nella sua forma originaria era ottenuto dalla semplice mescolanza fra acqua frizzante e vino (in prevalenza bianco), viene tuttora comunemente consumato a Venezia, Padova e Treviso.
Negli anni vi sono state apportate varie modifiche fino a renderlo un vero e proprio aperitivo.

Nel corso degli anni la bevanda si è rapidamente diffusa nelle altre città del Veneto, del Friuli Venezia Giulia, del Trentino, dell’Emilia e anche nelle città dell’Istria, ultimamente si trova tranquillamente in tutti i bar da Milano alla Riviera Romagnola, la sua consacrazione è avvenuta tramite la pubblicità di una nota casa produttrice di bevande alcoliche (Barbieri di Padova), che ha avviato una campagna pubblicitaria inneggiante al consumo di Aperol Spritz.

Non esiste una composizione univoca per lo spritz, ma varianti cittadine, a loro volta interpretate liberamente dai baristi , ognuno con una propria preparazione particolare. Un comune denominatore tra le varianti esistenti è comunque la presenza di vino bianco secco ed acqua minerale gassata o seltz (si può usare anche l’acqua tonica) che, quantitativamente, devono essere almeno al 40% e al 30%; il restante 30% viene completato dalle più svariate tipologie di bevande alcolche, a volte anche mischiate tra loro, con la regola non scritta di preservare una colorazione rossa del cocktail.
La gradazione alcolica è quindi variabile, ma si può valutare mediamente sui 15°.

A Venezia, Padova e Ferrara lo spritz viene preparato mescolando alla base di prosecco e seltz del Campari, dell’Aperol o del Cynar ed aggiungendo una fetta di limone, d’arancia o un’oliva. Nel Trentino lo spritz è altrettanto rinomato sia tra i giovani che tra gli anziani, i quali generalmente per indentificare il prodotto usano il sinonimo bianco con Aperol. Solitamente se a Trento, Rovereto o Riva del Garda (i maggiori centri delle zone di consumo) si ordina uno spritz la ricetta non cambia: si tratta di ghiaccio, Aperol, spumante e una fetta di arancia. La diversità, nelle varie zone, è legata alla tipologia e al gusto dello spumante. A Trento predomina lo spumante Ferrari , come anche a Riva del Garda mentre nel roveretano e Val Lagarina oltre ai vari spumanti si può trovare la variante con prosecco. Talvolta la seltz si sostituisce con del gin. In Alto Adige invece, similmente a quanto avviene a Trieste, lo spritz viene servito alla maniera originale austriaca, ossia con vino bianco ed acqua. Lo spritz come inteso nel Veneto, in Alto Adige viene servito sotto il nome di veneziano .

Nel Veneto e in Emilia lo spritz è un vero rituale popolare, che coinvolge fin dalla tarda mattinata giovani ed anziani. È senza dubbio l’aperitivo più consumato, diffuso e contestato, un tradizionale viatico per la socialità nonché un simbolo della frizzante atmosfera cittadina. Nelle osterie di campagna, come nei bar del centro, lo spritz è servito con gli immancabili cicchetti (stuzzichini), con prodotti soprattutto della zona: affettati, formaggi, verdure grigliate, pesce a seconda delle località, di mare o montagna, cambiano gli abbinamenti, ben presentati nei banconi dei locali. Rispetto al Pirlo bresciano, lo spritz, oltre ad avere una tradizione molto più antica, fa parte ormai del costume, non solo di un’unica città, ma di tre regioni, Slovenia e croazia, che conservano ancora molte tradizioni legate alla cultura Veneta dove l’aperitivo è chiamato Spritzen. Di recente, vista la notorietà dell’aperitivo, alcune note marche di liquori hanno utilizzato il nome Spritz per indicare un loro prodotto, questo non fa altro che aumentarne la sua “fama”.

Il luogo dove è più consolidato il rituale dello spritz è Padova in Piazza delle Erbe e Ghetto , di seguito Campo Santa Margherita a Venezia , Porta San Tommaso a Treviso , zona Piazza Matteotti a Udine , Piazza delle Erbe a Verona , Piazza delle Erbe e Piazza dei Signori a Vicenza , Spiaggia del Faro e nei numerosi locali lungo via Bafile a Jesolo Lido , Piazza Unità d’Italia a Trieste , al Bar Roma a San Donà di Piave , Piazza Libertà e Ponte Vecchio a Bassano del Grappa , Piazza Giorgione a Castelfranco Veneto , sotto la Loggia dei Grani a Montebelluna , al Caffè Centrale di Asolo , nei blasonati locali in Corso Italia a Cortina d’Ampezzo , Piazza Cima a Conegliano Veneto a Chioggia , è di tradizione consumare lo spritz, nelle osterie lungo i canali, accompagnato con pesce allo “scòta deo” (appena grigliato).

PRESO GENTILMENTE DAL SITO: http://www.spritzlandia.it/spritz.php

W lo spritz!!!!ultima modifica: 2008-08-02T10:48:07+02:00da giugiuweber
Reposta per primo quest’articolo

3 pensieri su “W lo spritz!!!!

  1. Ciaooo!!! Interessante queste info sullo spritz…
    Grazie per essere passata da me e per i complimenti alle foto. Purtroppo negli ultimi anni non ho più fatto viaggi…dopo i miei 2 anni mexicani ed il ritorno in Italia (con l’euro!!!) la vita è stata un po’ più dura…
    In Mex sono stata…diciamo per lavoro…ma diciamo anche che il lavoro in Mex l’ho cercato perchè in internet ho conosciuto mio marito e le ditanze non erano proprio favorevoli alla nostra storia…
    Adesso lui è qui in Italy…e tutto va per il meglio!! Alla faccia di chi dice che le storie d’amore in chat non esistono e non resistono, noi siamo assieme da 8 anni! :-)))
    Passa a trovarmi quando vuoi! Ciao e…hasta luego!

Lascia un commento